202017Set
Violenza sessuale, D’Anna (Ala-Sc): “Concordo  con Boldrini. Donne si vestano come vogliono. Ma basta violenza e minacce contro quelli che cantano fuori dal coro”

ROMA. “Apprendo della dichiarazione della presidente della Camera Laura Boldrini riguardante la libertà delle ragazze di potersi vestire come meglio credono. Condivido appieno questa espressione che non ho mai confutato nell’intervista rilasciata a Radio Cusano Campus”. Lo dichiara, in una nota, il senatore Vincenzo D’Anna (Alleanza LiberalPopolare-Autonomie Scelta Civica) che poi così prosegue: “l’occasione mi è propizia per ricordare che ho invocato pene più dure per gli stupratori. E che mai ed in alcun modo mi sono neanche lontanamente sognato di giustificare chi si macchia di un simile orrendo reato invocando, all’opposto, condanne anche fino a trent’anni per i colpevoli”.

“Occorre però chiedersi – aggiunge D’Anna – quale nervo scoperto abbiano toccato le cose di buon senso che ho invocato a maggior tutela dell’incolumità delle donne se non una consorteria di presunti ‘maitre a penser’ che ritengono di essere depositari dei valori del ‘politicamente corretto’ attraverso il quale ritengono di poter cancellare gli altrui valori, compreso il buon senso stesso, scatenando campagne di un’inaudita violenza verbale piene di insulti e minacce per coloro che cantano fuori dal coro”. Violenza, conclude il senatore “che è essa stessa sintomatica dell’aggressività e dell’intolleranza che si manifesta, anche con gli stupri, ogni giorno, nella società italiana”.