182017Mag
Risposta al Presidente dell’Ordine dei Biologi

Il Dr. Ermanno Calcatelli, Presidente dell’Ordine dei Biologi, è un abusivo. E’ abusivo perchè da un anno, da quando il TAR ed il Consiglio di Stato hanno decretato che le elezioni all’Ordine dei Biologi svolte per corrispondenza erano state truccate (erronei indirizzi su buste contenenti schede, ritorno indietro delle schede non recapitate all’Ufficio Postale di Roma Ostiense e qualcuno le ritira e le vota!!), mantiene illegalmente la carica e gli appannaggi economici di Presidente. Questa è la seconda volta consecutiva che il TAR annulla le elezioni per brogli elettorali!! Per questo è sotto processo in quanto già rinviato a giudizio per falso in atto pubblico.

Ma vi è di più, con soldi dei Biologi, che pagano gli Avvocati di Calcatelli, è anche ricorso alla Corte di Cassazione per invocare il vizio di competenza del TAR, oltre che allungare i tempi, ed anche  in questo processo ha perso.

Calcatelli  è stato rinviato a Giudizio come Consigliere Segretario per ipotesi di peculato nei confronti dell’Ordine dei Biologi per una somma di 400.000 (quattrocentomila)  e la falsa assunzione di “in addetto stampa”, figlia dell’ex Presidente Landi. A primi di giugno si terrà l’udienza per la decisione di rinvio a giudizio da parte del GIP. Il Consiglio Nazionale, organo di controllo e verifica dell’operato del Consiglio dell’Ordine è sciolto e non si può riunire da Settembre del 2016.

Un’altra interrogazione è stata già inoltrata, sullo stesso argomento,  da un parlamentare del M5S. Credo che basti ed avanzi perché il Ministro Orlando faccia finalmente il suo preciso potere riportando nella legalità e nella terzietà la gestione dell’Ordine dei Biologi.

Calcatelli siede nel Consiglio dell’Ordine, con tanto di lauto gettone (oggi 400 € a seduta), da circa 30 anni e forse per festeggiare la ricorrenza si è deliberato  ultimamente anche uno stipendio mensile. Tralascio altri fatti recenti di Peculato,  dei quali siamo a conoscenza perché li denunceremo alla Magistratura. Chiunque avrebbe sentito il dovere si farsi da parte a 72 anni consentendo un ricambio generazionale.

C’è da chiedersi se conosce la vergogna l’ex Presidente di O.N.B.?? Chissà!!

Sen. Vincenzo D’Anna