82019Dic
Il Rubicone

Il Rubicone

La scuola italiana è in continuo costante declino. L’ultima bocciatura viene dall’OCSE, l’Organizzazione europea per l’economia e lo sviluppo, che pone l’Italia al 25esimo posto su 36 nazioni. Per capirci, siamo a livello della Lettonia e dell’Islanda, soprattutto per quanto concerne la lettura e la comprensione del testo letto. In soldoni: gli studenti del Belpaese poco…

Leggi tutto
12019Dic
Il finto tonto

Il finto tonto

Con l’avvento della cosiddetta “Seconda Repubblica” il teatrino della politica si è arricchito di un cospicuo numero di “uomini nuovi”. Impeccabili, costoro sono balzati alla ribalta con cipiglio politico e verve morale. Qualità che poi, alla prova dei fatti, si sono rivelate opinabili e scarsamente coerenti. Uomini nuovi, che sostenuti dal battage pubblicitario, da una…

Leggi tutto
282019Nov
Il segno dei tempi

Il segno dei tempi

Ottantacinque milioni di morti. A tanto ammonterebbe il numero delle vittime immolate sull’altare di “falce e martello” secondo il “Libro nero del Comunismo”, la monumentale opera di Courtois, Werth, Panné, Paczowski, Bartosek e Margolin, che tanti mal di pancia (e pernacchie) ha scatenato a sinistra. Una cifra agghiacciante che va ben oltre il concetto stesso…

Leggi tutto
242019Nov
Tragedie e commedie

Tragedie e commedie

Dal Cile giungono notizie drammatiche sulle violenze che si stanno perpetrando in quel Paese. La repressione monta contro i manifestanti. Ogni giorno si sente parlare di sistematica violazione dei diritti civili, di stupri, pestaggi, ferimenti ed aggressioni mortali. Tali fatti ci riportano indietro nel tempo, per la precisione al 1973, allorquando un golpe militare rovesciò…

Leggi tutto
212019Nov
Qualunquismi in salsa tricolore

Qualunquismi in salsa tricolore

E’ breve ma a dir poco rumorosa la storia delle “sardine”, il movimento giovanile di protesta anti Salvini che sta cercando di porsi come argine al centrodestra nelle prossime elezioni regionali in Emilia. Abbiamo più volte affrontato, dalle colonne di questo stesso giornale, i motivi di carattere politico ed ideologico che spingono molti ragazzi di…

Leggi tutto
172019Nov
I Trinaricuti

I Trinaricuti

Aveva ragione il grande scienziato Albert Einstein: è più facile rompere un atomo che cancellare un pregiudizio. Nel caso di specie, si tratta di qualcosa di ben più grande di uno stereotipo, di una vecchia abitudine. Si tratta di una forma mentis, della superbia intellettuale di taluni (presunti) “maître à penser” mischiata al proselitismo di…

Leggi tutto
152019Nov
Arcana Imperi

Arcana Imperi

La gestione del potere ha acceso, da secoli, grandi ed appassionate discussioni. La più famosa è quella che si è sviluppata attorno al libro che più di tutti ha trattato e diffuso l’argomento: il “Principe” di Machiavelli. Famoso e conosciuto il detto “il fine giustifica i mezzi”, una cinica e pragmatica visione della vita politica…

Leggi tutto
32019Nov
Regionali, l’ex senatore D’Anna al lavoro per trovare la “terza via”

Regionali, l’ex senatore D’Anna al lavoro per trovare la “terza via”

L’obiettivo è chiaro: far rinascere il “centro liberale”, andato in mille pezzi dopo la dissoluzione di Forza Italia. In Campania, ma anche a livello nazionale. “E per favore: non tirateci per la giacca”. E’ l’appello che Vincenzo D’Anna, ex parlamentare, tra i principali animatori di SUD (acronimo di “Solidarietà, Unione e Democrazia”), il movimento politico…

Leggi tutto
302019Ott
Tragicommedia

Tragicommedia

Le elezioni regionali in Umbria hanno segnato il ritorno, in grande stile, del “centrodestra vittorioso”, copia sbiadita di quella compagine imperniata attorno a Berlusconi, che nel 1994 sconfisse, inaspettatamente, la “gioiosa macchina da guerra” di Achille Occhetto. A confrontarsi, allora, non furono i singoli partiti bensì vere e proprie coalizioni scese in campo per contendersi…

Leggi tutto
272019Ott
La solita storia

La solita storia

Doveva essere il governo del cambiamento quello che vararono Lega e M5S all’indomani di un risultato elettorale che, grazie alla legge proporzionale, aveva  sancito l’assoluta paralisi parlamentare. La mancanza di una maggioranza coesa e coerente indusse forze politiche dichiarate avversarie a fare obbligatoriamente  sintesi ed intesa su di un programma arrabattato ed ambiguo. Con grande…

Leggi tutto